Mimmo Milano

Italia

Presentazione

Con questo mio breve appunto, mi riferisco a tutte le mie “Visioni Metropolitane” dipinte da me su tela. Questi miei dipinti nati da una ricerca artistica, vogliono raccontare la metamorfosi delle grandi metropoli; di giorno vita frenetica,di notte fonte d’ispirazione ! Così accade nella nostra vita quotidiana. Ognuno destinato a compiere la propria missione giornaliera affrontando il proprio lavoro vivendo tra casualità e sincronismo cercando sempre il lato migliore. Di notte tutto questo sembra fermarsi, l’elaborazione però continua dentro la nostra mente, illuminando lo stato d’animo e la nostra creatività. Il fascino delle luci e dei riflessi, che alimentano le metropoli, rappresentano le nostre anime che con la propria personalità contribuiscono all’evoluzione dell’essere umano. La Luna presente con le sue rivoluzioni lunari, influenze astrali e forze misteriose,vigila attenta alla metamorfosi di queste mie Visioni. Mimmo Milano

Nato a Gioia del Colle (BA) nel 1966, scopre la sua predisposizione all'arte e al disegno sin dalla tenera età. Abbandonati gli studi, si dedica all'attività di pittore, decoratore e restauratore e poi ai lavori di pittura a olio su tela. Subito apprezzato, con i primissimi dipinti allestisce una mostra personale che gli aprirà la strada a numerose collettive nazionali e internazionali. Espone alla Galleria Unione Teatro Petruzzelli ed Expo Arte di Bari, Arte Padova, Expo Udine, Parlamento Europeo a Bruxelles e altre importanti manifestazioni. Di lui scrivono, fra gli altri, il giornalista Angelo Crapanzano e i critici d'arte Carlo Franza, Gerard Argelier, Maria Rosaria Belgiovine e Maria Catalano sottolineandone la “raffinata bellezza e imponenza surrealistica”, “l’esaltazione del soggetto, schematizzato e centralizzato, dal notevole impatto emotivo e dalla singolare formula estetica” e “il sano equilibrio descrittivo con umori simbolici e incisa padronanza del segno”.

Recensioni

“L'indagine pittorica di Mimmo Milano raccoglie pensieri e sentimenti dell'uomo, transfuga il suo presente per un tempo più universale!” Carlo Franza Storico dell'arte

"Attraverso un tratto segnico sapiente e deciso Mimmo Milano conferisce alle sue opere una raffinata bellezza oltre che una imponenza surrealistica."
Angelo Crepanzano - Giornalista

"La sua scelta di rappresentare il notturno è motivata dall'esaltazione del soggetto, schematizzato e centralizzato, dal notevole impatto emotivo e dalla singolare formula estetica."
Gerard Argelier - Critico d'arte internazionale

"I suoi paesaggi si accendono di mille frammenti luminosi popolando oscurita' metropolitane, con sano equilibrio descrittivo ed umori simbolici, con incisa padronanza del segno."
Maria Rosaria Belgiovine - Critico d'arte

La storia della pittura moderna è' una sorta di romanzo culturale con milioni di personaggi,cioè gli artisti, molti dei quali pur scatenandosi in migliaia di sperimentazioni, e giostrare d'ogni genere,hanno il buon senso e la cultura di rifarsi ai geni del passato:tra i quali, spesso Leonardo da Vinci.
Il quale diceva,lo ripetiamo,che la pittura è' "cosa mentale".
Un'indicazione, questa,seguita da molti già dal secolo scorso; ma anche oggi,come fa, ci sembra, questo artista (che e'anche ottimo figurativo),il quale riesce a portare i suoi "segni" a una astrazione limpida e vivace, che grazie al colore si fa poetico pensiero .

Dal volume "Nuova Arte" Arte 2001-Enzo Fabiani - Critico d'arte Editoriale Giorgio Mondadori

Mimmo Milano trae la propria ispirazione da efficaci scorci di contemporaneità.La metropoli è il principale referente di questo artista,una giungla urbana brulicante di luci e di suoni,che non conosce riposo.
La notte si rischiara di insegne al neon,capaci di attirare l'attenzione dei passanti solo per qualche secondo,prima che distolgano lo sguardo per rivolgerlo verso una nuova chimera luminosa.
Le opere di Mimmo Milano sono le istantanee di un mondo conosciuto,affascinante nel proprio turbinio vitale,che egli riesce a rendere ancora più avvincente avvolgendolo in un'aura silenziosa,dove la figura umana è solo evocata dalle luci che illuminano finestre e strade.
L'artista è dotato di un tratto fermo e sicuro,capace di alternare con abilità la similitudine esplicita all'illusione a alla metafora.In questo modo le sue città sembrano sospese tra realtà vissuta e immaginazione onirica.Il pittore tinge infatti le proprie vedute di sfumature e bagliori che addolciscono la visione,rendendola quasi incantata.I grattacieli che svettano nella notte si riflettono su quieti specchi d'acqua,dando vita a un coinvolgente gioco di rimandi luminosi,dove persino la luna appare come un artificio estetico aggiunto al fascino dimeno skyline immaginifico.
Con la sua creatività Mimmo Milano riesce a liberare un'inattesa vena lirica,pur evocando con tratto realistico concretezza paesaggistica della città.La sua arte diventa così capace di scorgere una bellezza fascinosa anche là dove,lo sappiamo,agisce un'umanità coatta,prigioniera dei riti urbani di lavoro frenetico e di svago massificato.
L'indagine di questo universo diventa così percorso riflessivo sulle geometrie della modernità,sulla luce e sul colore e sull'assenza dell'uomo che pure,di quella modernità, è protagonista fattuale.

Dal primo volume di "CREAZIONI"
-PAOLO LEVI- Critico d'arte

Mimmo Milano,pugliese di Gioia del Colle,studi tecnici ,pittore autodidatta fermamente deciso a sviluppare la sua predisposizione all’arte non solo dipingendo,ma soprattutto documentandosi ed approfondendo il linguaggio del segno. Il segno prima espressione artistica e comunicativa dell’uomo ,ma, anche soluzione finale di sintesi estrema. La sua è una ricerca appassionata attraverso l’abilità manuale del linguaggio visivo;uno studio approfondito attraverso i grandi teorici del segno,e soprattutto attraverso il Trattato della Pittura di Leonardo Da Vinci. La sua indagine parte dalle affermazioni di Cennino Cennini che nel “libro dell’Arte” sottolineando che attraverso la manualità si arriva al disegno,al dipingere come “… operazione di mano,a trovare cose non vedute ,… fermarle con la mano”, afferma che su questa “strada” si realizzano un numero infinito di espressioni. Attraverso,poi,il Trattato della Pittura di Leonardo , Mimmo Milano traduce in immagine il leonardesco principio base secondo il quale la pittura deve tendere a divenire strumento di conoscenza permettendo di riunire i vantaggi dell’inchiesta speculativa a quelli della sua verifica visiva e della sua rappresentazione giungendo ad una nuova e più efficace forma di speculazione filosofica.

Maria Catalano - Storica dell’arte


Tags:

Key Info

Ulteriori informazioni

Riepilogo delle recensioni

chart
Currently there are no reviews.

Scrivi una recensione

Acconsento al trattamento dei miei dati personali (leggi la nostra Privacy Policy) Termini e Condizioni

Opere (Mimmo Milano)

METROPOLIS 010.016 acrilico su tela cm50x50
0,00 EUR
Opere Tradizionali

METROPOLIS 08.016 acrilico su tela cm50x50
0,00 EUR
Opere Tradizionali

METROPOLIS 07.016 acrilico su tela cm50x50
0,00 EUR
Opere Tradizionali

METROPOLIS 03.016 acrilico su tela cm50x50
0,00 EUR
Opere Tradizionali

Vedi tutte le opere di Mimmo Milano

Contatto Mimmo Milano

Progetto realizzato con il sostegno
finanziario dell' Unione Europea

 

 

 

Le nostre sedi

Galleria NARTIST
Via Giuseppe Mazzini, 29
70023 Gioia del Colle (BA)

NARTIST project
Via Montenapoleone, 8
20121 Milano

 

Dati Aziendali

MAGIE D'AUTORE S.R.L.
Start-Up innovativa con vocazione
sociale (Licenziataria dei domini)
Via Giuseppe Mazzini, 29
70023 - Gioia del Colle (Ba)
P.IVA: 07765810721
REA: BA - 580311
Cap.Soc. Int. versato € 10.000,00
magiedautore@pec.it

Copyright Nartist® and “Talent Open Art” © 2018 – Tutti i diritti riservati – MAGIE D’AUTORE s.r.l. – P.IVA 07765810721 - REA: BA - 580311